Un sito web non è un software “in scatola” che si compra sullo scaffale e si installa nel proprio PC.

C’è, è vero, una componente software, ma alla base c’è un progetto che coinvolge varie tappe; dalla scelta del nome, al server che ospiterà il sito, passando ovviamente dalla sua progettazione e realizzazione.

L’indirizzo che digitate nel browser per aprire un sito ( tipo www.miosito.com per intenderci) è il cosiddetto Nome di Dominio, più brevemente Dominio.

Il Nome di dominio è univoco, nel senso che una volta registrato nessun altro potrà registrarne uno uguale, un po’ come fosse un marchio o un brevetto insomma.

Senza entrare in dettagli troppo tecnici l’importante è sapere che la scelta di un nome piuttosto che un altro è un fattore importante anche dal punto di vista del marketing; il nome non dovrebbe essere troppo lungo o difficile da comunicare e dovrebbe almeno contenere la vostra ragione sociale se siete un’azienda.

È possibile, anzi frequente registrare più Domini e farli corrispondere allo stesso sito.

La registrazione del nome si effettua comunemente presso alcuni fornitori di servizi (Provider) che fanno da intermediari con gli Enti che ufficialmente mantengono il registro.

L’iscrizione nel registro del Dominio ha un costo annuo solitamente molto basso, qualche decina di euro.

Noi offriamo tutta la consulenza ed assistenza per la scelta del Dominio e della registrazione

Il sito per funzionare ha bisogno di un computer che lo ospita, tale computer dev’essere però costantemente connesso ad internet e disporre di una banda di rete adeguata.

In linea teorica questo computer potrebbe essere anche presso la vostra azienda ma più spesso si preferisce usufruire di servizi esterni (Hosting Provider) che mettono a disposizione dei computer chiamati appunto Server (per il fatto che stanno lì a “servire” gli altri computer, quelli degli utenti) i quali spesso ospitano decine se non centinaia di siti come il vostro.

Questo servizio ha dei costi molto variabili perché dipendono dalla qualità del servizio stesso, dalla larghezza di banda messa a disposizione (più è larga e più utenti può servire contemporaneamente), dal numero di siti ospitati (più siti ci sono e minore sarà la banda disponibile per ciascuno), dalla potenza del server e dai servizi accessori.

Anche qui siamo perfettamente in grado di assistere e consigliare i clienti circa la migliore soluzione per collocare i propri siti in server adeguati.

Della realizzazione dei siti parliamo diffusamente in altre sezioni.

Basti sapere che un sito “materialmente” non è altro che un insieme di file (testo, grafica, video, foto ecc…) tenuti insieme da un codice detto HTML.

È possibile che tale codice sia scritto direttamente in alcuni file che fanno da “collante”, le cosiddette “pagine”, in questo caso di definisce sito “Statico”.

Più spesso però si preferisce che sia un vero e proprio programma a comporre le pagine, questo consente di avere una struttura generale (ad esempio menu, loghi ecc…) e andare a prendere i contenuti volta a volta da posti diversi in base ad alcune variabili. Questi tipi di siti si definiscono “Dinamici”, nel senso che l’impianto grafico di base resta sempre quello e i contenuti possono essere variati senza toccarlo.

Noi proponiamo quasi sempre siti “Dinamici” perché ciò consente ai nostri clienti di variare autonomamente i contenuti.

Una volta registrato un nome, acquistato uno spazio in un Server per la pubblicazione e realizzato il sito si passa alla messa in produzione.

Questa consiste nel trasferire (da parte di chi lo ha realizzato) i file che compongono il sito nel Server prescelto.

Terminata questa fase il sito è immediatamente visibile dal Web.

Prima della messa in produzione noi mettiamo a disposizione dei clienti un indirizzo web di staging dove solo loro possono vedere lo stato di avanzamento della realizzazione e concordare eventuali modifiche.

Il sito, una volta pubblicato, ha una propria vita.

Non si deve pensare che “funzioni da solo” occorre spesso intervenire per monitorarlo, vedere quanto viene visitato, se ci sono pagine che non sono visibili, se i contenuti debbono essere cambiati.

Di tutto questo parliamo in altre sezioni, però è importante sapere che anche i siti diventano obsoleti. Un telefonino degli anni ’90 probabilmente funziona ancora però dopo qualche anno lo avrete certamente cambiato. E la stessa cosa vale anche per i siti : gli stili, le potenzialità tecniche, il design è in continua evoluzione; dopo quattro o cinque anni il sito va rivisto.

Noi assistiamo i nostri clienti per fare questa valutazione anche di siti già attivi e li consigliamo sulle modifiche da apportare per tenere il proprio sito “al passo coi tempi”!